Cartaceo o digitale?

Non c’è alcun dubbio che viviamo in piena epoca digitale e che, assistendo alla rivoluzione dall’interno, ci troviamo a volte anche colti alla sprovvista dalla velocità incommensurabile con la quale nuovi fenomeni compaiono e si sviluppano.

Alessandro Baricco ne fa un’analisi lucida e semplificata nel suo recente “The Game” da cui si possono apprendere molti aspetti di questa rivoluzione digitale di cui siamo a volte parte attiva senza nemmeno accorgercene.

L’enorme sviluppo digitale ha inevitabilmente coinvolto anche uno degli oggetti più antichi dell’umanità, da sempre utilizzato per tramandare la cultura, il libro.

Faccio una doverosa premessa, io non assumo posizioni a favore dell’una o dell’altra forma di lettura, l’importante è che si legga, il come non conta.

La lettura in digitale ha i suoi vantaggi, a partire dall’aspetto economico, ovviamente un eBook ha un prezzo più contenuto non dovendo far fronte a costi di stampa, distribuzione, trasporto.

Un altro pregio dell’ebook è quello di poter essere letto anche di notte, al buio, senza disturbare nessuno.

Non dimentichiamo poi un altro aspetto fondamentale che gioca a favore del libro digitale: essendo gli ebook oggetti non fisici, non occupano spazio, quindi ci si ritrova a poter portare con sé un’intera libreria e scegliere sul momento cosa leggere, direi che non è assolutamente cosa da poco per chi come me è un lettore compulsivo.

Proprio quest’ultimo aspetto a volte mi ha portato a farne uso, la possibilità di leggere in qualunque posto e momento della giornata, anche se ti sei ritrovato improvvisamente da solo ad attendere, oltre quello che immaginavi, che aprisse il parrucchiere.

Lo ammetto.

Detto questo, ci sono aspetti “emozionali” che mi fanno, per lo meno fino a questo momento, preferire il libro cartaceo.
Il digitale avrà anche la sua utilità e i suoi vantaggi, ma il profumo della carta di un libro appena comprato, l’odore di stampa nelle librerie, il rumore delle pagine che sventolano assieme a quello della rilegatura che scricchiola sfogliandole…

E’ tutto un universo sensoriale che un semplice display non sarà mai in grado di veicolare. Per non parlare di quelle belle stanze arredate da scaffali colmi di libri, come fossero pilastri di case in cui la libertà di pensiero assume le forme più elevate.

La rivoluzione digitale non è riuscita a soppiantare i libri di carta e forse non riuscirà mai a farlo del tutto perché non potrà mai sostituire la parte emozionale del libro inteso come oggetto.

In relazione all’argomento appena trattato, vorrei spendere qualche parola a proposito della infelice campagna di educazione ambientale del Comune di Corato apparsa ieri nelle strade della città sotto forma di manifesti che inducono a utilizzare prodotti durevoli al fine di creare meno rifiuti.

Un’intenzione lodevole, certo!

Peccato però che l’immagine utilizzata per questa campagna sia quella di un libro contrapposto alla sua versione digitale. Non solo si tratta di una scelta molto discutibile, perché il libro è uno strumento di cultura e si sarebbe potuto optare per uno dei molteplici oggetti usa e getta che fanno parte della nostra quotidianità, come un banale bicchiere di plastica.

Ma la domanda che mi verrebbe da porre all’ideatore della campagna incriminata è questa:

Lei, dopo aver letto un libro (sempre che ne legga qualcuno), lo butta via?

E poi, è così sicuro che un tablet duri di più e inquini meno di un libro?

Un tablet dura al massimo due anni, il tempo della garanzia, e se non si è ancora rotto ci pensa la casa produttrice a farlo diventare obsoleto. I libri durano anni, millenni, senza perdere la loro funzione iniziale, quella di trasferire il sapere e, se anche di qualche libro ci si vorrebbe disfare, nella peggiore delle ipotesi la carta si ricicla e trova nuovi utilizzi, come purtroppo fanno certi politici che invece di andare a casa si riciclano e danno vita a scempi simili.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.