Il lento ritorno alla normalità

Archiviato il 32esimo Salone del Libro di Torino, non senza un pizzico di malinconia, si ritorna alla vita di tutti i giorni fatta di lavoro e di scrittura.

Ma lo si fa con la consapevolezza che ci saranno ancora tante pagine da scrivere, tante persone da incontrare, tante storie da portare dentro.

È stata la mia prima volta a Torino e spero di tornarci ancora, magari con il secondo lavoro attualmente in cantiere (a proposito, se improvvisamente vi è venuta voglia di leggere L’ultimo Sorriso, cliccate il link).

Prima però bisognerà terminare un altro lavoro cominciato, quello con i ragazzi del Liceo di Canosa di Puglia, di cui vi parlerò nei prossimi giorni.

Il Salone mi ha distrutto fisicamente, ma mi ha dato una carica incredibile per riprendere a leggere, scrivere, studiare, impegnarmi.

Ho sempre vissuto la vita come una continua sfida, soprattutto con me stesso, e le sfide mi caricano.

Desy Icardi (L’annusatrice di libri – Fazi Editore), vedendo la nostra foto insieme, ha scritto: “le tipiche occhiaie da Salone”.

Verissimo, poche ore di sonno ma tantissima adrenalina nelle vene ad alimentare come benzina, e questa carica non terminerà per ora!

2 Replies to “Il lento ritorno alla normalità”

Rispondi a Nico Accordino Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.